Earwig e la Strega: computer grafica, libertà e divertimento | Studio Ghibli
Ultime Notizie.
1984 NIBARIKI – GH
torna al blog
9
Lug
Earwig e la Strega: computer grafica, libertà e divertimento
Earwig e la Strega, il nuovo lavoro dello Studio Ghibli in arrivo nei cinema italiani il 21 luglio, è il film delle prime volte: il primo in uscita dopo 7 anni di attesa (l'ultimo appuntamento in sala era stato con Quando c'era Marnie), ma soprattutto il primo interamente realizzato in CGI 3D, con una squadra composta da professionisti con una lunga esperienza nelle produzioni Ghibli e da giovani talenti reclutati sia in Giappone che all'estero per affiancare il regista Goro Miyazaki.



 

La prima animazione in computer grafica 3D dello Studio Ghibli


Il primo nello Studio Ghibli a scoprire il libro "Earwig e La Strega" e a pensare di trasformarlo in un film è stato Hayao Miyazaki. Già impegnato nei preparativi per il suo prossimo film, "Come Vivi?", ha deciso di affidarlo al figlio Goro, che ha intuito che sarebbe stato particolarmente adatto per la computer grafica in 3D, che - come ha sperimentato durante la realizzazione della serie TV "Ronja, La Figlia del Brigante" - riesce a trasmettere la drammaticità in un modo davvero unico. E così è cominciata l'avventura.

Racconta Goro Miyazaki: "Ho deciso di realizzare un film che, nonostante l'utilizzo della computer grafica 3D, rappresentasse anche un'estensione dei lavori che Ghibli ha prodotto sino ad oggi. L'utilizzo della Computer Grafica 3D ci ha permesso di lavorare con una libertà mai sperimentata prima." 

c0424_t3.0048

Un film libero e divertente: parola di Hayao Miyazaki


Anche il Maestro Miyazaki sottolinea come la libertà, l'originalità e l'essere fuori dagli schemi accomunino Earwig - la protagonista del romanzo di Diana Wynne Jones e del film - e il lungometraggio in arrivo il 21 luglio al cinema.

"La qualità della computer grafica è straordinaria. Questo grazie al meraviglioso team che ha lavorato a questo progetto. Quando è stata presa la decisione di lavorare con la CGI, ho avuto qualche dubbio, mi sono chiesto quale sarebbe stato il risultato finale, ma quando ho visto il prodotto finito, non ho avuto più alcun dubbio. Essendo stato disegnato usando la Computer Grafica, e non delle matite, ha una qualità più libera. È un film divertente."

c0506_t3.0027


"Riesce a trasmettere la medesima energia del libro, anzi direi che proprio per questo è ancora più divertente. Il fatto che possa essere descritto semplicemente come un film ‘divertente’ è già di per sé una cosa positiva. Sono molto soddisfatto di questo film. Deve essere stato molto difficile realizzarlo. La formidabile capacità di Earwig di non arrendersi mai e la sua irrefrenabile testardaggine permea tutto il film."